Stampa

2011 Nazionale Tumietto

INFEZIONI VECCHIE E NUOVE AREE DI ALLERTA
Fabio Tumietto - UO Malattie Infettive - Azienda Ospedaliero Universitaria di Bologna

La gestione del malato affetto da uremia terminale in trattamento sostitutivo mediante emodialisi o dialisi peritoneale non può prescindere dalla piena conoscenza del potenziale rischio infettivo che il malato può affrontare nel corso della sua storia clinica. Tale rischio è costituito dalle differenti infezioni che possono colpire il soggetto dializzato, sia perché direttamente connesse alle pratiche assistenziali correlate al trattamento depurativo, sia perché il malato in trattamento dialitico, risulta maggiormente esposto ad infezioni contratte in comunità ma che possono manifestarsi con maggiore gravità clinica in considerazione della variabile immunodepressione che caratterizza questi individui. Vecchie e nuove infezioni batteriche (TB e infezioni sostenute da batteri multiresistenti – MDR) e vecchie e nuove infezioni virali (epatiti – HIV o influenza H1N1) pongono tutti i professionisti coinvolti nelle differenti fasi assistenziali, nella necessità inderogabile di sviluppare e condividere modelli gestionali ad alto livello di sicurezza, realizzabili solo con profonda conoscenza e utili per ridurne l’incidenza o per rendere queste condizioni morbose compatibili con le condizioni cliniche del malato e con l’ambiente ove sono effettuati i trattamenti sostitutivi.