Articoli

Stampa

36 Nuvoli

METODICHE DI DIALISI CONTINUA E PLASMA EXCHANGE (PEX) NEL TRATTAMENTO DI UN GRAVE CASO DI AMILOIDOSI SISTEMICA SECONDARIA A MIELOMA MULTIPLO (MM)
Nuvoli A., Farina A., Carassino A., Pala P., Loriga G.
Ospedale “SS Annunziata”, S.C. Nefrologia Dialisi e Trapianto, Sassari

Scarica poster pdf

Introduzione
L’insufficienza renale che complica il MM incide potentemente sulla prognosi dei pazienti affetti e spesso richiede terapia dialitica. La rimozione delle catene leggere dal plasma tramite PEX, accanto alla chemioterapia specifica, migliora la prognosi renale e la sopravvivenza dei pazienti.

Metodologia
Riportiamo il caso di una donna di 60 anni affetta da Amiloidosi secondaria a MM IgG Lambda,  e insufficienza renale  da cardiopatia amiloidotica, con grave scompenso cardiaco, da noi sottoposta alternativamente a PEX (7 sedute con 2500 ml di PFC, monitor Multifiltrate) e Continuous Renal Replacement Therapy (CRRT, 3 sedute di CVVHD con kit Septex, 5 sedute di CVVHDF e 1 di CVVH, kit ST-150, monitor Prismaflex) in associazione a chemioterapia specifica.

Risultati
L’associazione di tali metodiche ha consentito un notevole miglioramento del quadro clinico. La PEX si è confermata efficace nella rimozione delle catene leggere, potenzialmente riducendo il danno legato alla deposizione di fibrille di amiloide.

Conclusioni
L’alternanza di PEX e CRRT, in associazione alla chemioterapia, si è rivelata un trattamento efficace nella risoluzione di un grave quadro acuto di Mieloma Multiplo pluricomplicato. Un intervento precoce e intensivo é un fattore determinante nella risposta al trattamento.

Abbiamo 91 visitatori e nessun utente online